LEGGE DI BILANCIO 2022: NUOVI SCAGLIONI IRPEF E NUOVE DETRAZIONI

Salvatore Iadevaia

Gli scaglioni di reddito per la tassazione Irpef a partire dal 1° gennaio 2022 sono rimodulati dalla Legge di Bilancio 2022, sia per i lavoratori dipendenti che per gli autonomi. Le modifiche sono state apportate anche alle modalità di calcolo delle detrazioni per lavoro dipendente, pensione e redditi assimilati a quelli da lavoro dipendente.

La Legge 234/2021 – c.d. Legge di Bilancio 2022 – pubblicata in G.U. n. 310 del 31 dicembre 2021, all’art.1, comma 2 modifica l’art.11 c. 1 del Tuir e introduce i nuovi scaglioni reddituali con le aliquote di tassazione di riferimento.

Ecco come si modifica l’imposta:

  • è soppressa l’aliquota del 41%;
  • la seconda aliquota Irpef è ridotta dal 27% al 25%;
  • la terza aliquota Irpef è ridotta dal 38% al 35% ed applicata ai redditi fino a 50.000 euro;
  • per i redditi superiori a 50.000 euro, l’aliquota Irpef 2022 è pari al 43%; tale aliquota fino al 31 dicembre 2021 era prevista oltre i 75.000 euro di reddito.

 

 

Alle nuove aliquote di calcolo dell’Irpef si aggiunge una rimodulazione delle detrazioni per redditi da lavoro dipendente, assimilati a quelli da lavoro dipendente e di pensione.

Nuove detrazioni da lavoro dipendente (art.13 c.1 lett. a), b) e c) del Tuir):

 

 

La detrazione viene poi aumentata di 65 euro se il reddito complessivo è superiore a 25.000 euro e fino ai 35.000 euro (comma 1.1).

Nuove detrazioni per redditi assimilati a quelli da lavoro dipendente (art.13 c.5 lett. a) e b) del Tuir):

 

 

La detrazione viene poi aumentata di 50 euro se il reddito complessivo è superiore a 11.000 euro e fino ai 17.000 euro (comma 5-bis).

Nuove detrazioni per i redditi da pensione (art.13 c.3 lett. a), b) e c) del Tuir):

 

 

La detrazione viene poi aumentata di 50 euro se il reddito complessivo è superiore a 25.000 euro e fino ai 29.000 euro (comma 3-bis).

Sempre la Legge 234/2021, all’art.1 c.3 conferma, con modifiche, il riconoscimento del trattamento integrativo (c.d. bonus 100 euro) erogato ai lavoratori dipendenti e ai percettori di alcuni redditi assimilati.

L’importo è riconosciuto per euro 1.200 fino a 15.000 euro di reddito; per la quota di reddito da 15.001 a 28.000 euro spetta il medesimo importo, a condizione che l’ammontare dell’imposta lorda sia superiore alla somma delle detrazioni relative alle spese sostenute entro il 31.12.2021 e cioè:

  • carichi di famiglia e redditi di lavoro autonomi, di cui agli artt.12 e 13 c.1 del Tuir;
  • oneri per prestiti e mutui contratti fino al 31.12.2021, di cui all’art.15 c.1 lett. a) b) e c) del Tuir;
  • rate di ristrutturazioni, di cui all’art.16-bis del Tuir;
  • altre detrazioni.

In tal caso il trattamento integrativo è riconosciuto per l’importo, non superiore a euro 1.200, determinato in misura pari alla differenza tra le detrazioni sopra elencate e l’imposta lorda.

Infine, è abrogato il comma 2 dell’art.1 del D.L. 3/2020 in merito all’ulteriore detrazione fiscale per redditi da lavoro dipendente e assimilati.

 

Fonti: Fisco e tasse, Fisco7, Informazione fiscale.

[easy-social-share]
Salvatore e Carlo Iadevaia

Salvatore e Carlo Iadevaia

Dottori Commercialisti e Revisori dei Conti
Fondatori dello Studio Iadevaia

Copyright © 2020-2021 Studio Iadevaia & G&T Technologies. Diritti Riservati.
P. IVA02545830925

Powered by G&T Technologies

Hai bisogno di Aiuto?  
Studio Iadevaia
Avvia una conversazione su WhatsApp
Risponderemo il prima possibile.